Come scegliere i migliori integratori Omega 3

Enerzona, Eskim, Named, Olevia, Omegor, Multicentrum… Oggi abbiamo davvero tanti integratori omega 3 fra cui scegliere. Ma quali sono le caratteristiche che distinguono questi prodotti? Tantissime: quantità, concentrazione, purezza, digeribilità, formulazione, certificazioni, forma, gusto, odore, confezione.

Già, è davvero un’impresa! Se potessimo fare una sola domanda, la più importante sicuramente sarebbe: quanto omega 3 assumere?

Prima però dobbiamo conoscere più da vicino questo importante acido grasso.

Omega 3, la dose giornaliera consigliata e i benefici EPA e DHA

La grande famiglia degli Omega-3 contiene diverse molecole. L’acido Alfa-linolenico (ALA), ad esempio, è una fra queste ed è contenuto in molti olii vegetali.

Le due più importanti molecole sono invece L’EPA e il DHA. Questi acidi grassi sono essenziali, cioè devono essere assunti dal cibo che mangiamo giornalmente. Anche se possiamo trovare le piccole quantità necessarie per sopravvivere in diversi alimenti, sono davvero pochi i cibi che ne contengono abbastanza per poter ottenere un effetto salutistico.

In particolare sono ricchissimi alcuni tipi di pesce di grossa taglia (tonno, salmone) oltre a pesci più piccoli come aringhe e sardine, molluschi, crostacei, alghe e tracce negli olii.

Il pesce è l’alimento più ricco di Omega 3 in generale

Omega 3, quanti EPA+DHA assumere

Queste molecole vengono coinvolte in centinaia di funzioni cellulari che il nostro corpo compie per il normale mantenimento della nostra salute.

In particolare, L’EFSA (European Food Safety Administration) ritiene che, in riferimento a determinati effetti salutistici, siano necessarie le seguenti dosi:

Effetti sulla salute degli omega 3 (Health Claims EFSA)

250 mg EPA+DHA Normale funzionamento del cuore
250 mg DHA Normale funzionalità del cervello e della vista
3000mg EPA+DHA Pressione del sangue normale
2000mg EPA+DHA Normali livelli di trigliceridi

Ecco perché è importante un omega3 con una dose elevata di EPA e DHA. E gli Omega 3-6-9 ? In una dieta occidentale tipica è difficile che manchi un apporto di questi altri grassi, derivanti ad esempio dalla carne bovina.

Come analizzare i migliori integratori di omega 3 nel 2019

Finalmente abbiamo una prima caratteristica che distingue sicuramente un buon integratore da uno scarso: la quantità di EPA e DHA. Ma rispetto a cosa?

In assoluto, è la dimensione della capsula a dirci quanto omega-3 può essere contenuto all’interno. Capsule piccole richiedono numerose assunzioni, mentre capsule grandi permettono maggiori quantità, ma sono anche più difficili da deglutire: ecco perché è meglio scegliere softgel morbide.

Attenzione però: la quantità assoluta di omega-3 non è la stessa di EPA+DHA!

Concentrazione degli omega-3

Molte ditte riescono a mettere in commercio omega3 a basso costo, mentre altre marche arrivano a prezzi ben più alti. Come è possibile?

Nella grande maggioranza dei casi, parliamo di olii di pesce lavorati a caldo, senza distillazione né purificazione – fondamentali per evitare di assumere troppi metalli pesanti e contaminanti – ma soprattutto con un contenuto relativo sul totale di EPA e DHA molto bassi, addirittura solo il 30%.

E il resto della capsula cosa è? Altri grassi, tra cui magari proprio quelli che stiamo cercando di evitare!

Scegliete sempre un contenuto MINIMO superiore al 60%, considerando che i prodotti migliori arrivano ben oltre: con la distillazione molecolare si può raggiungere il 75%, mentre prodotti come Unocardio 1000, grazie a tecnologie innovative di estrazione a freddo, arrivano a superare il 90% del totale.

Scopri tutte le caratteristiche di Unocardio 1000 cliccando l’immagine

Per quanto tempo assumere omega3

Gli integratori non possono sostituire una dieta sana e variegata. Detto questo, non ci sono particolari rischi nell’assunzione continua di questo macronutriente, che può essere quindi mantenuto in modo costante nella dieta.

Sicuramente è utile invece sospendere l’utilizzo in caso di interventi chirurgici o dal dentista, a causa dell’effetto fluidificante sul sangue. Rivolgersi sempre al proprio specialista per avere un parere personalizzato.

Condividi su: